torna home page cinformi archivio info cinformi domande più frequenti al cinformi newsletter cinformi scrivi alla redazione del cinformi trasporti pubblici trentini meteo trentino home page provincia autonoma di trento logo cinformi - centro informativo per l'immigrazione della provincia autonoma di trento
      Il Cinformi
      Obiettivi
      Organizzazione
      Studi e ricerche
      Comunicazione
      Informazione
      Info plurilingue
      Numeri telefonici
      Dove siamo
      Link
       
      Sportello
      Orario al pubblico Cinformi
      Orario Centri per l'impiego
      Info e orientamento
      Prenotazione per questura
      Casa
      Tratta
      Richiedenti asilo
      Assistenti familiari
       
      Informazioni
      Guida al soggiorno
      Permessi di soggiorno
      Modulistica
      Legalizzazione documenti
      Contratto di soggiorno
      Ingresso in Italia
      Contributi enti pubblici
      Contributi terzo settore
      Storia del Trentino
       
      Normativa
      Leggi provinciali
      Leggi nazionali
      Leggi comunitarie
       
       
       
 
News

LAVORO STAGIONALE IN TRENTINO
procedura per la richiesta del permesso di soggiorno

Ottenuto il visto di ingresso dall’autorità consolare italiana nel Paese di provenienza, entro 8 giorni dall'ingresso nel territorio nazionale il lavoratore straniero si dovrà recare al CINFORMI di Via Zambra n. 11 a TRENTO, per la sottoscrizione del contratto di soggiorno, per la richiesta del permesso di soggiorno e per l’eventuale ritiro del certificato di attribuzione del codice fiscale.

Il lavoratore si deve presentare con:

  • tre originali del contratto di soggiorno vidimati dal Servizio Lavoro e già sottoscritti dal datore di lavoro;

  • fotocopia del passaporto (originale in visione).

Dopo essere stati al Cinformi è necessario spedire alla Questura di Trento attraverso gli uffici postali abilitati la richiesta di rilascio del permesso di soggiorno con apposto la marca da bollo da euro 14,62, pagando alle Poste 30 euro per la pratica. Se il soggiorno è superiore a 90 giorni è necessario versare al ministero dell'economia e delle finanze il costo per il permesso di soggiorno elettronico attraverso un bollettino postale di euro 27,50.

Si ricorda che, secondo quanto disposto dalla direttiva del ministro dell’Interno del 20/02/2007, nelle more della consegna del rilascio del permesso di soggiorno il lavoratore straniero può essere ammesso a svolgere l’attività lavorativa per la quale è stato autorizzato il suo ingresso nel territorio qualora:

  • abbia presentato la domanda di rilascio del permesso di soggiorno al Cinformi entro 8 giorni dall’ingresso nel territorio nazionale;

  • abbia sottoscritto il contratto di soggiorno presso il Cinformi;

  • sia in possesso di copia del modello di richiesta di permesso di soggiorno rilasciato dal Cinformi;

  • sia in possesso della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di permesso di soggiorno rilasciata dall’Ufficio postale abilitato.